Notiziario  18/10/2018

Leggi

COS’E IL MODELLISMO E PERCHE’ PUO’ INTERESSARE IL PUBBLICO ?

All’origine del Modellismo c’è una motivazione ludica. Il gioco inteso come modalità di apprendimento e approfondimento della realtà. Diceva NERUDA “Il bimbo che non gioca non è un bimbo, ma l’uomo che non gioca ha perso il bambino che aveva dentro di sé e non lo ritroverà mai più” . Inoltre dietro ogni modellista c’è un artigiano, una persona dotata di una spiccata manualità e di una sfrenata fantasia che lo spingono a realizzare oggetti, rappresentazioni di eventi che la maggior parte del pubblico sembrano incredibili. Sicuramente l’effetto “meraviglia” è il primo legame che si instaura tra il modellista ed il pubblico, provocato dalla capacità di riprodurre in miniatura certi particolari della realtà o di rappresentare oggetti ed eventi accaduti in epoche passate o in luoghi lontani. La riproduzione in miniatura consente di percepire quegli oggetti nella loro complessità, cosa che nella vita reale non sempre è possibile. Quando si visita un monumento, un castello o una chiesa, se ne ammira prima la facciata, poi le pareti laterali, quindi l’abside. Dopo si entra a visitare le navate e gli altri ambienti interni. Ma chi non possiede la capacità di correlare mentalmente le singole immagini, difficilmente riesce a ricostruire lo sviluppo spaziale dell’intero edificio. La riproduzione in miniatura permette al contrario di percepire l’intero edificio o gli spazi rappresentati nella loro complessità senza muovere un passo. Ma c’è di più, se non si vuole che il rapporto con il pubblico rimanga legato al solo effetto “meraviglia” per la dovizia di particolari costruttivi (che alla lunga rischia di apparire maniacale), occorre che il modellismo si qualifichi sempre più per la ricerca e documentazione storica dei fatti e degli oggetti rappresentati, impegno che la nostra Associazione persegue da tempo, infatti a fianco dei singoli modelli sono sempre esposte dettagliate schede dattiloscritte, che oltre a riportare i dati tecnici (scala, materiali e tecniche costruttive, ecc…) forniscono anche informazioni storiche, fonti e quant’altro può aiutare ad una comprensione più evoluta del manufatto. Siamo convinti che il modellismo debba contribuire sempre più alla rappresentazione storica di oggetti o eventi che altrimenti non potrebbero essere immaginati dal pubblico per motivi di tempo o di luogo: eventi passati o svoltisi in terre lontane. Sempre più cercheremo di raccontare gli oggetti rappresentati, con informazioni storiche, documenti,notizie sulle abitudini di vita e di costume che sono emerse nella fase di ricerca che ha preceduto la progettazione e la realizzazione dei modelli stessi. Non sarebbe infatti possibile immaginare l’assedio ad un castello medioevale o lo svolgimento di una battaglia fra Galeoni nel XVI° Secolo se non si conoscono i fatti che li hanno determinati, gli stili di vita e le abitudini, le modalità costruttive e le tecniche dell’epoca in cui questi eventi sono realmente accaduti.

Pietro Mercanti

MODELLISMO UGUALE…ARTE

Si può parlare di “ Arte………. nel Modellismo” nella sua forma per così dire, estetica? Per quanto possa essere arduo ammetterlo per noi dell’Associazione Modellismo & Storia – Firenze la risposta al quesito è senza dubbio affermativa, quindi:

Il Modellismo è un’arte

Le testimonianze materiali, letterarie, storico-artistiche fin dai tempi più remoti testimoniano attività connesse al modellismo, le sue radici sono intrecciate in modo inestricabile con la storia dell’umanità (un esempio valga per tutti; i modellini delle navi egizie rinvenuti nelle tombe dei faraoni)  ha da sempre con essa instaurato un dialogo serrato quanto imprescindibile fra storia-arte e cultura. Se accettiamo quindi che il modellismo sia una forma artistica, possiamo per analogia arrischiarci a definire un artista nel suo genere colui che la pratica……il modellista. Il Modellista, questa splendida figura di sognatore (chi di noi durante la costruzione della propria opera non si è immaginato nella cabina di pilotaggio del suo aereo oppure sulla tolda del veliero che sta costruendo) è anche nel suo piccolo uno storico e un ricercatore, perché è nella sua natura conoscere il più possibile la storia, le gesta, le caratteristiche di ciò che sta riproducendo. Concludo questo pensiero definendo il modellista come un sognatore sì…! Ma anche una persona che interpreta, analizza e ricostruisce fedelmente ciò che appartiene al passato per proiettarlo nella storia futura………..insomma un ARTISTA.

Lamberto Picchi

Back to Top